Ultima modifica: 24 Novembre 2017
Animatore Digitale > Data Dollar

Data Dollar

Una moneta che si basa sul valore dei dati personali diventa un nuovo metodo di pagamento

Kaspersky Lab, ha creato un pop-up shop in cui i dati personali o meglio, i Data Dollar, sono l’unica moneta utilizzabile.

L’obiettivo è dimostrare che i dati hanno un valore economico che può essere utilizzato per gli acquisti nei negozi del futuro.

Il Data Dollar Store è stato creato e allestito da Kaspersky Lab in Old Street a Londra, nel cuore della capitale della tecnologia. I clienti si sono messi in coda molto presto per aggiudicarsi le stampe esclusive del noto street artist Ben Eine, ma sono rimasti molto sorpresi di fronte al modo con cui avrebbero dovuto pagare le opere d’arte, veniva in effetti chiesto a loro di rinunciare alle proprie fotografie personali o ai video e utilizzarli come metodo di pagamento per gli acquisti. Dopo la sorpresa iniziale hanno però acconsentito favorendo l’aumento della valuta Data Dollar. Il Data Dollar Store, è stato ideato per far crescere negli utenti la consapevolezza del valore effettivo dei dati personali e attirare altri player di mercato ad unirsi a questa attività utilizzando il simbolo del Data Dollar. …………….

Fonte: Adnkronos

Per l’occasione è stato realizzato un video

I tuoi dati sono preziosi proteggili!!

il tempo passato sui social, pro capite, è in crescita anche se si divide equamente con il tempo che passiamo sulle app. Il fenomeno ha ispirato la fantasia di Lori Lewis and Chadd Callahan del Cumulus Media, che hanno pensato di fare una fotografia di ciò che succede in un minuto su internet fra e-commerce, social media, email, social network e altre attività. Ne è uscito uno spaccato interessante, che ci rimanda un’immagine di ciò che ci circonda, ad esempio, in metropolitana la mattina quando i più hanno il naso dentro uno smartphone.

 

Così si scopre che in un minuto vengono spedite 156 milioni di mail, mentre vengono inviati 16 milioni di messaggi Whatsapp, vengono visti 4,1 milioni di video, cercate 3,5 milioni di parole su Google, scaricate 342 mila app e spesi 751,522 dollari in e-commerce, solo per fermarsi ad alcuni esempi. E in questo taglio trasversale del tempo i 900 mila login di Facebook e ancora più i 120 nuovi account creati di LinkedIn sembrano quasi poca cosa.

Il web…rappresenta la più straordinaria innovazione nel mondo della comunicazione nella storia dell’umanità. Tutto quanto quello che sta succedendo non è altro che l’inizio di una lunga “RIVOLUZIONE DIGITALE”, un processo veloce ed ineluttabile, sta a noi comprendere cosa stia succedendo e decidere se essere travolti da questo tsunami oppure se trasformarlo in un vantaggio

Usiamo la tecnologia in modo consapevole, non facciamoci usare!

 

Lascia un commento

Devi fare il log in per inserire un commento.